• Tag Archives ordine
  • DOMICILIO DIGITALE: obbligo di legge

    Il DECRETO-LEGGE n. 76 “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”, pubblicato sulla GURI del 16 luglio 2020, introduce pesanti sanzioni per i professionisti che non comunicano il proprio domicilio digitale (indirizzo di posta elettronica certificato PEC) all’Ordine territoriale di appartenenza. Avere una casella di posta elettronica certificata (PEC) è obbligo per tutti i professionisti iscritti ad un albo professionale (anche se non svolgono alcuna attività professionale). Tale obbligo è stato introdotto dal D.L 185/2008 trasformato in Legge n. 2/2009 (art. 16 dal comma 5 al 10) per cui tutti i professionisti iscritti ad albi professionali devono attivare una casella di Posta Certificata “Professionale” e comunicare al proprio Ordine di appartenenza il nome della propria PEC in modo da permettere all’Ordine di rendere disponibile agli Enti Pubblici che ne fanno richiesta tutti gli indirizzi PEC dei propri iscritti. Il provvedimento, si legge all’interno del Decreto Legge Semplificazione, intende “favorire l’uso della posta elettronica certificata nei rapporti tra pubblica amministrazione, imprese e professionisti, attraverso il completamento dei percorsi di transizione digitale”. La misura, in larga parte, non è stata rispettata, perché non erano previste sanzioni severe. Oggi, però, l’articolo 29 del dl semplificazione, prevede sanzioni pesanti per gli inadempienti: “si introduce l’obbligo di diffida da adempiere, entro trenta giorni, da parte del collegio o ordine di appartenenza”, in un secondo momento, in caso di inottemperanza alla diffida, si prevede “la sanzione della sospensione dal relativo albo fino alla comunicazione del domicilio digitale”.

    Si pubblica di seguito la “Circolare domicilio digitale”, già inviata agli iscritti. La pubblicazione sul sito web istituzionale costituisce effettiva notifica verso tutti gli iscritti all’Albo, in particolare nei confronti di coloro che hanno cambiato indirizzo di posta elettronica e, non avendolo comunicato all’Ordine, non possono ricevere le comunicazioni inviate.

    Circolare domicilio digitale


  • L’ORDINE DEI CHIMICI E DEI FISICI DELLA PROVINCIA DI MESSINA

    Il Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Chimici della Provincia di Messina, nella seduta del 19 giugno 2018, secondo quanto disposto dal DECRETO del 23 marzo 2018, attuativo della legge n. 3/2018, pubblicato nella G.U. N. 128 DEL 05.06.2018, ha deliberato:

    1. la confluenza dell’Albo dell’Ordine dei Chimici Sezione A nell’Albo dell’Ordine dei Chimici e dei Fisici, Settore Chimica;
    2. la confluenza dell’Albo dell’Ordine dei Chimici Sezione B nell’Albo dell’Ordine dei Chimici e dei Fisici, Settore Chimica.

    I Chimici iscritti nelle due sezioni A e B entro tale data conservano i diritti acquisiti, inclusa l’anzianità di servizio.

    La Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici e tutti gli Ordini Territoriali dei Chimici e dei Fisici, sono posti sotto la sorveglianza del Ministero della Salute. Quindi, le professioni di Chimico e di Fisico sono professioni sanitarie, regolamentate e salvaguardate dalla Costituzione della Repubblica.

    Pertanto, il nostro Ordine, ai sensi dell’articolo 8, comma 7, della legge n. 3/2018, assume la denominazione di ORDINE DEI CHIMICI E DEI FISICI DELLA PROVINCIA DI MESSINA.

    L’Albo dell’Ordine dei Chimici e dei Fisici è costituito da due settori, il settore Chimica e il settore Fisica. Ogni settore, a sua volta, comprende due sezioni: la sezione A nella quale sono iscritti i laureati quinquennali e la sezione B per i laureati triennali.

    doc1

    L’esercizio della professione di Chimico o di Fisico, in forma individuale, associata o societaria, sia nell’ambito di un rapporto di lavoro subordinato o para subordinato con soggetti pubblici o privati, sia nell’ambito di un rapporto di lavoro autonomo o di prestazione d’opera con soggetti pubblici o privati, anche ove tali rapporti siano saltuari e/o occasionali e  indipendentemente dalla tipologia contrattuale, è obbligatoria l’iscrizione all’Albo come previsto dall’art. 5, comma 2, del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, e successive modificazioni.


  • Benvenuto Ordine dei Chimici e dei Fisici

    Come a noi chimici è noto, la nostra professione è stata disciplinata con il Regio Decreto n 842 dell’1 marzo 1928 che istituiva l’Ordine dei Chimici. Dopo 90 anni, una nuova legge, la n. 3/2018, la riforma Lorenzin, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica il 15 marzo 2018, ci inserisce nell’ambito delle professioni sanitarie, istituendo così la Federazione Nazionale dei Chimici e dei Fisici.

    Il passaggio del nostro Ordine dalla vigilanza del Ministero della Giustizia al Ministero della Salute, è stato voluto in un momento delicato che vede un movimento di pensiero a livello europeo indirizzato all’abolizione delle organizzazioni professionali, gli Ordini in Italia, delle aree tecniche ma non quelle che gravitano nell’area della salute. Infatti, nelle costituzioni degli stati, la salute dei cittadini è un diritto fondamentale. L’art. 32 della Costituzione della Repubblica Italiana recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.”. Inoltre, il progetto di trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa (CONV 820/03), presentato dal presidente della Convenzione europea al Consiglio europeo di Salonicco il 20 giugno 2003, all’art. 16 (Settori dell’azione di sostegno, di coordinamento o di complemento) indica “tutela e miglioramento della salute umana” uno di tali settori. Pertanto, le cosiddette professioni sanitarie continueranno a essere delle professioni protette e per i Chimici e i Fisici essere sotto la vigilanza del Ministero della Salute è un fatto molto importante. Il riconoscimento di professione sanitaria sancisce finalmente che la Chimica e i Chimici operano “per” la salute e non “contro” la salute, al contrario di come, per decenni, la cattiva informazione da parte dei media ha inculcato nell’opinione pubblica. Stesso discorso va fatto per i Fisici e la Fisica, professione finora non disciplinata ma che adesso trova una sua collocazione nella Federazione degli Ordini dei Chimici e dei Fisici.
    Essere una professione sanitaria è di fondamentale importanza per noi Chimici perché molti saranno i vantaggi per gli iscritti all’Albo, a cominciare dall’obbligo d’iscrizione per tutti quelli che svolgeranno attività di Chimico e/o Fisico in qualsiasi forma, libera professione, rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato con soggetti pubblici o privati, anche con rapporti di lavoro occasionali o saltuari, indipendentemente dalla tipologia contrattuale. Nessun sedicente esperto Chimico o Fisico, ausiliare di un magistrato, potrà qualificarsi come Chimico o Fisico, anche se in possesso della relativa laurea, non essendo iscritto all’Ordine Professionale. Né tanto meno, docenti universitari e ricercatori che operano nell’ambito delle strutture pubbliche, utilizzando strumenti di proprietà delle Pubbliche Amministrazioni, potranno redigere impunemente relazioni e consulenze per il libero mercato.

    Attendiamo i decreti attuativi della legge 3/2018, già approvati e firmati e d’imminente pubblicazione, per iniziare il nuovo corso che ci vedrà impegnati in difesa della tutela della salute pubblica e di tutto ciò che è necessario per il miglioramento delle condizioni della vita dell’uomo di competenza della nostra professione.


  • ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO (2017/2021): RISULTATI DELLO SCRUTINIO

    Si è svolto questa mattina, con inizio alle ore 9:00, al seggio n. 1, ubicato presso l’ARPA Sicilia – ST di Messina, lo scrutinio delle schede votate nella seconda votazione, svoltasi dal 15 al 19 giugno. Le operazioni di scrutinio sono state presiedute dalla Dr.ssa Daniela Riolo, Presidente del seggio n. 1. In dettaglio l’esito dello scrutinio.

    Votanti

    Schede nulle

    Schede bianche

    Voti validi

    59

    0

    0

    59

    Cognome

    Nome

    Voti riportati

    %

    Alongi

    Emanuele

    31

    52.5

    Ansaldo

    Giacomo

    38

    64,4

    Arrigo

    Ileana

    34

    57,6

    Ciotto

    Salvatore

    13

    22,0

    D’Amico

    Giuseppina

    41

    69,4

    Di Pietro

    Santo

    25

    42,4

    Franzone

    Maria

    19

    32,2

    Gulletta

    Maria Rita

    22

    37,3

    Pollicino

    Gianmichele

    20

    33,9

    Rizzo

    Giovanni

    27

    45,8

    Saccà

    Rosario

    50

    84,7

    Settineri

    Letteria

    41

    69,4

    Toscano

    Giovanni

    47

    79,7


  • ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI ALL’ALBO DELL’ORDINE DI MESSINA

    L’Assemblea degli iscritti all’Albo dell’Ordine dei Chimici della Provincia di Messina è convocata per martedì 20 dicembre 2016, alle ore 8:00 in prima convocazione, alle ore 16:00 in seconda convocazione, presso il Salone degli Specchi della Città Metropolitana di Messina, Palazzo dei Leoni – Corso Cavour, 86 – 98122 Messina, per discutere il seguente ordine del giorno:

    1. comunicazioni del Presidente;

    2. approvazione del Bilancio preventivo dell’esercizio 2017.

    La partecipazione all’Assemblea attribuisce 2 CFP deontologici agli iscritti all’Albo dell’Ordine dei Chimici della Provincia di Messina.

    Il Presidente

    Prof. Rosario Saccà

    convocazione-assemblea-20_12_2016

     ISCRIVITI ALL’ASSEMBLEA