• Tag Archives chimico
  • Concorso pubblico per esami a complessivi 50 posti nel profilo professionale di chimico

    L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha indetto un Concorso pubblico per esami a complessivi 50 posti nel profilo professionale di chimico, terza area, fascia retributiva F1. Il bando è stato pubblicato in data 26/07/2019. Tra i requisiti di ammissione, oltre alla laurea in una delle discipline chimiche previste dal bando, è richiesta l’abilitazione all’esercizio della professione di chimico e la relativa iscrizione all’albo dei chimici e dei fisici di cui al D.M. 23 marzo 2018 “Sezione A Chimici” o “Sezione B Chimici”. I requisiti richiesti per la partecipazione al concorso devono essere posseduti, da chi intende fare domanda, entro la data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso, nonché alla data di stipula del contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato. La partecipazione al concorso avviene esclusivamente mediante la compilazione di un modulo di domanda on line. L’iscrizione on line è l’unica consentita ed è da intendersi tassativa. Non sono ammesse altre modalità o forme di produzione o invio o presentazione della domanda di partecipazione al concorso.

    Per poter scaricare il bando e le relative istruzioni di compilazione della domanda online si rimanda alla pagina dedicata del sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

    logo2018

     

     

     


  • La Formazione Continua ECM per Chimici e Fisici

    Suggerimenti per assolvere l’obbligo formativo gratuitamente

    Si ricorda a tutti gli iscritti che dall’entrata in vigore della legge 3/2018, nota anche con il nome di “legge Lorenzin”, i Chimici e i Fisici che operano nella sanità o esercitano libera professione, sono soggetti all’obbligo della formazione ECM. Gli operatori della sanità, nel triennio 2017 – 2019, dovranno conseguire 150 crediti ECM. Per i Chimici e i Fisici che prima dell’entrata in vigore della legge 3/2018, operavano nella sanità, rimane tale obbligo. Invece, tutti gli altri Chimici e i Fisici che esercitano la libera professione, l’obbligo ECM riguarda solo l’anno 2019 e dovranno conseguire 50 ECM. Chi, in precedenza non ha assolto gli obblighi della formazione, dovrà recuperare, entro la fine dell’anno, i 50 ECM. Cosa può fare un iscritto per recuperare crediti senza spendere grosse cifre. Diamo di seguito alcuni suggerimenti.

    1. Leggere le regole della formazione ECM dal 2019 sul MANUALE SULLA FORMAZIONE CONTINUA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO.
    2. In secondo luogo, verificare i crediti maturati nel triennio in questione sul portale CoGeAPS, sommatoria di CFP e ECM. Si troverà, come obbligo, ancora scritto 150 ECM, perché il sistema non é aggiornato. Come scritto prima, l’obbligo dovuto è una somma di 50 ECM o CFP, a meno che non fosse professione sanitaria già prima del gennaio 2018 allora come già noto non si applica la fase transitoria.
    3. Collegarsi al sito AGENAS per vedere i corsi che sono a disposizione.
    • Selezionare la modalità di erogazione in FAD (formazione a distanza)
    • Evidenziare l’elemento economico dei corsi (COSTI).
    • Filtrare professione Chimico o Fisico oppure ( più ricco) Tutte le Professioni

    Si aprirà una pagina con gli eventi formativi in FAD. Per non spendere denaro cercare quegli eventi gratuiti.  Non tutti i corsi sono attinenti alla professione ma rappresentano un percorso formativo coerente con gli obiettivi che la Federazione ha segnato in collaborazione con il Ministero della salute.

     


  • I GIORNATA NAZIONALE DEL CHIMICO E DEL FISICO

    La FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI CHIMICI E DEI FISICI dopo un anno dell’entrata in vigore della Legge 11 gennaio 2018, n.3 e Decreto del Ministero della Salute del 23 marzo 2018 pubblicato in G.U. il 5 giugno 2018, ha istituito l’Ordinamento della Professione Sanitaria del Chimico e del Fisico, ha organizzato un evento per fare il punto su questo primo anno di professione e valutare con confronto e dibattito il futuro delle due professioni sanitarie nel contesto sociale, economico, ambientale. L’evento avrà luogo a Roma, il 7 giugno 2019, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, presso la Sala Zuccari del Senato della Repubblica. L’evento è accreditato ECM e saranno riconosciuti 3 ECM/CFP ai professionisti Chimici e Fisici che vi parteciperanno.

    Per il programma e informazioni sull’iscrizione cliccare sul link sottostante:

    I GIORNATA NAZIONALE DEL CHIMICO E DEL FISICO


  • Corso di “Deontologia ed attualità della professione di Chimico”

    Pubblichiamo il calendario del corso di “Deontologia e attualità della professione di Chimico”. Tale corso è rivolto agli studenti laureandi dei corsi Triennale e Magistrale di Scienze Chimiche. Il superamento dell’esame finale esonera i candidati dallo svolgimento della seconda prova scritta dell’Esame di Abilitazione all’esercizio della Professione di Chimico.

    Programma del corso


  • D.Lgs. 42/17 “Criteri generali per l’esercizio della professione di Tecnico competente in acustica”

    Nota CNC del 27/04/2017

    Il D.Lgs. 42/17 entrato in vigore il 19.04.2017 fa parte del quadro normativo nazionale in materia di inquinamento acustico. Con tale Decreto Legislativo sono stabiliti i criteri generali per l’esercizio della professione di Tecnico competente in acustica, di cui all’articolo 2 della legge 26 ottobre 1995, n. 447. La professione di tecnico competente in acustica rientra tra le professioni non
    organizzate in ordini o collegi di cui alla legge 14 gennaio 2013, n. 4 (art. 20 Capo VI D.Lgs. 42/2017). E’ stato istituito, come recita l’art. 21, presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, l’elenco nominativo dei soggetti abilitati a svolgere la professione di tecnico competente in acustica, sulla base dei dati inseriti dalle regioni o province autonome. Coloro che hanno ottenuto il riconoscimento della qualificazione di tecnico competente in acustica da parte della regione ai sensi del DPCM 31.03.1998 entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, possono presentare alla regione stessa, nei modi e nelle forme stabilite dal decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, istanza di inserimento nell’elenco.

    L’iter legislativo relativo alla normativa che disciplina la figura del Tecnico competente in acustica ha visto interventi a partire dal 2016 da parte delle varie categorie professionali della Rete delle Professioni Tecniche per ribadire l’importanza dell’inserimento della figura del tecnico competente in acustica tra le figure che necessitano di una garanzia che solo l’iscrizione ad un ordine professionale può dare.

    Lo scorso anno il Consiglio Nazionale dei Chimici era intervenuto direttamente presso il Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, ribadendo che “la Professione regolamentata di Chimico nell’ambito del DPR 328/2001 all’art. 36 lett.l) prevede l’attività di “misure ed analisi di rumore” e che “pertanto numerosi iscritti all’Albo professionale svolgono attualmente attività di Tecnico Competente in Acustica, di cui alla Legge 26/10/1995 n. 447.”

    Il Consiglio Nazionale dei Chimici ha espresso formalmente la propria disponibilità a collaborare alla stesura finale dello schema di Decreto Legislativo recante “Disposizioni in materia di armonizzazione della direttiva con la normativa nazionale e relativi decreti attuativi”. Le sollecitazioni pervenute da più ordini e collegi professionali non sono state accolte nel nuovo Decreto Legislativo n. 42/2017. La richiesta presentata anche dal Consiglio Nazionale dei Chimici al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare ancora nella fase dello schema di decreto legge non è stata accolta.

    Per la nostra categoria si pone un ulteriore problema: il comma 1 dell’articolo 22 del Capo VI del D.Lgs. 42/17 restringe l’iscrizione all’elenco dei Tecnici competenti in acustica a coloro che siano in possesso della laurea oppure della laurea magistrale ad indirizzo scientifico espressamente specificata nella parte A dell’allegato 2, oltre che di almeno uno degli ulteriori requisiti ivi previsti (specifici corsi oppure titoli universitari). Nell’Allegato 2 mancano le classi di Laurea in Chimica (L27, LM54 e LM71).

    In grave violazione della disposizione contenuta nella legge delega, il Capo VI del D.Lgs. 42/17 istituisce un elenco e restringe le possibilità di accesso al medesimo per la formazione e l’attività professionale dei Tecnici competenti in acustica, nonostante queste ultime, così come espressamente previsto dall’ articolo 2, commi 6, 7 e 8, della Legge 26 ottobre 1995, n. 447, dovessero, invece, essere consentite a tutti i possessori, oltre che della specifica e pluriennale esperienza richiesta, di un diploma di scuola media superiore ad indirizzo tecnico oppure del diploma universitario o del diploma di laurea ad indirizzo scientifico. Tale normativa non aveva predisposto un elenco di classi di laurea e lasciava pertanto anche ai Chimici come laurea
    scientifica lo svolgimento di tali attività.

    Il Consiglio Nazionale dei Chimici ha pertanto ritenuto di intervenire immediatamente sul D.Lgs. 42/17 al fine di tutelare un’attività che il laureato in Chimica poteva svolgere secondo la L.447/95 che l’attuale D.Lgs. 42/17 modifica restringendo e limitando l’attività ad alcune classi di laurea, con ovvia limitazione non giustificata, discriminatoria e comunque non proporzionale tale esercizio professionale. Il D.Lgs. 42/17 contiene disposizioni che restringono il libero accesso, nonché
    l’esercizio in massima libertà e concorrenza. Il D.Lgs. 42/17 così come articolato, si pone inoltre in palese contrasto con le fonti normative di rango superiore (Legge 14 gennaio 2013, n. 4 e Legge 26 ottobre 1995, n. 447) che vengono richiamate nel suo preambolo e alle quali dovrebbe dare attuazione. Considerando la tipologia di atto normativo e le modalità di intervento correlate, da subito il Consiglio Nazionale ha provveduto ad effettuare segnalazioni a:

    – Commissione europea – Direzione Generale della Concorrenza ed alla Direzione Generale dell’Occupazione, Affari Generali e Inclusione, richiedendo un intervento affinché rilevi il recepimento non corretto della direttiva 2006/123/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, relativa ai servizi del mercato interno.

    – Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, richiedendo un intervento ai sensi dell’articolo 21 della Legge 10 ottobre 1990, n. 287.

    – Ministeri dello Sviluppo Economico, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ministero della Giustizia, ed ai relativi Ministri, richiedendo che intervengano affinché si prenda atto dell’illegittima istituzione di un elenco professionale che abilita, in via esclusiva, alcuni soggetti all’esercizio della professione non regolamentata di tecnico competente in acustica, senza tener conto neppure che tra le competenze di una professione regolamentata quale quella del Chimico vi sono le misure ed analisi di rumore e di inquinamento elettromagnetico.

    – Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, richiedendo che intervenga per garantire una leale collaborazione tra le Amministrazioni centrale e regionali nella normazione e nell’applicazione delle norme relative alla professione di tecnico competente in materia acustica.


  • Corso di “Deontologia ed attualità della professione di Chimico”

    images

    Rinvio esami  del corso di “Deontologia ed attualità della professione di Chimico”

    Gli esami del corso di Deontologia ed attualità della professione di Chimico del giorno 3 aprile 2017, sono rinviati a mercoledì  5 aprile 2017 alle ore 14:30 presso l’aula HT12-T dell’incubatore d’impresa

    Si informano gli studenti iscritti al terzo anno Corso di Studi in Chimica e gli studenti del Corso di Studi magistrale in Chimica che tutti i lunedì dal 27 febbraio al 20 marzo del corrente A.A., si svolgeranno le lezioni del corso di “Deontologia ed attualità della professione di Chimico” organizzato in convenzione tra l’Universita degli Studi di Messina e l’Ordine dei Chimici della Provincia di Messina. La prova di valutazione si svolgerà lunedì 3 aprile il presso l’aula 1 del Dipartimento di Scienze Chimiche Biologiche Farmaceutiche ed Ambientali, alle ore 14:00.

    Scarica il programma del corso: Programma_CorsoDEONT_2017


  • Questionario attività professionale del Chimico

    Il Consiglio Nazionale dei Chimici ha predisposto un breve sondaggio online riguardante l’attività professionale del Chimico. Lo scopo del sondaggio è collegato all’attività del gruppo di lavoro “Comunicazione” costituito presso il Consiglio Nazionale dei Chimici. I risultati consentiranno di conoscere meglio le competenze, le capacità e le potenzialità della nostra professione nella società odierna e di far conoscere all’esterno tutte le attività che il professionista chimico è in grado di svolgere e che non sono talvolta note o pubblicizzate adeguatamente. Gli esiti del saranno pubblicati, in forma aggregata, sul sito web del CNC. La compilazione richiederà solo qualche minuto. Chi compilerà il sondaggio in forma non anonima, avrà riconosciuto 1 CFP deontologico. Il sondaggio sarà online fino al 15 novembre 2016.

     Accedi al sondaggio


  • Dichiarazione d’interesse inserimento in terne per l’ esame di stato abilitazione 2016

    Dovendo designare le terne per il sorteggio della Commissione per gli esami di abilitazione alla professione di Chimico, questo Consiglio direttivo interpella gli iscritti aventi i seguenti requisiti:
    1. regolare iscrizione all’Albo dell’Ordine dei Chimici della Provincia di Messinada almeno 15 anni con lodevole esercizio professionale;
    2. essere in regola con i versamenti contributivi all’Ordine Territoriale e al CNC;
    3. possibilmente non aver partecipato alla commissione in oggetto lo scorso anno.
    Le candidature dovranno pervenire entro le ore 15:00 di martedì 19 aprile 2016. In mancanza di sufficiente numero di candidature, si procederà per sorteggio, secondo i requisiti richiesti.
    La prima prova degli esami calendarizzata dall’ordinanza ministeriale del 01/3/2016 prevede le date perentorie del 15 giugno per i chimici senior e il 22 giugno  per i chimici junior. Per la sessione di novembre, rispettivamente il il 16 novembre e 23 novembre.
    Si ricorda, inoltre, ai Professori Universitari che l’obbligo di partecipare alle Commissioni per gli esami di stato è sancito dall’art. 6 della legge 18 marzo 1958, n. 311.
    Il Presidente
    Prof. Chim. Rosario Sacca’