• Category Archives Circolari
  • Benvenuto Ordine dei Chimici e dei Fisici

    Come a noi chimici è noto, la nostra professione è stata disciplinata con il Regio Decreto n 842 dell’1 marzo 1928 che istituiva l’Ordine dei Chimici. Dopo 90 anni, una nuova legge, la n. 3/2018, la riforma Lorenzin, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica il 15 marzo 2018, ci inserisce nell’ambito delle professioni sanitarie, istituendo così la Federazione Nazionale dei Chimici e dei Fisici.

    Il passaggio del nostro Ordine dalla vigilanza del Ministero della Giustizia al Ministero della Salute, è stato voluto in un momento delicato che vede un movimento di pensiero a livello europeo indirizzato all’abolizione delle organizzazioni professionali, gli Ordini in Italia, delle aree tecniche ma non quelle che gravitano nell’area della salute. Infatti, nelle costituzioni degli stati, la salute dei cittadini è un diritto fondamentale. L’art. 32 della Costituzione della Repubblica Italiana recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.”. Inoltre, il progetto di trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa (CONV 820/03), presentato dal presidente della Convenzione europea al Consiglio europeo di Salonicco il 20 giugno 2003, all’art. 16 (Settori dell’azione di sostegno, di coordinamento o di complemento) indica “tutela e miglioramento della salute umana” uno di tali settori. Pertanto, le cosiddette professioni sanitarie continueranno a essere delle professioni protette e per i Chimici e i Fisici essere sotto la vigilanza del Ministero della Salute è un fatto molto importante. Il riconoscimento di professione sanitaria sancisce finalmente che la Chimica e i Chimici operano “per” la salute e non “contro” la salute, al contrario di come, per decenni, la cattiva informazione da parte dei media ha inculcato nell’opinione pubblica. Stesso discorso va fatto per i Fisici e la Fisica, professione finora non disciplinata ma che adesso trova una sua collocazione nella Federazione degli Ordini dei Chimici e dei Fisici.
    Essere una professione sanitaria è di fondamentale importanza per noi Chimici perché molti saranno i vantaggi per gli iscritti all’Albo, a cominciare dall’obbligo d’iscrizione per tutti quelli che svolgeranno attività di Chimico e/o Fisico in qualsiasi forma, libera professione, rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato con soggetti pubblici o privati, anche con rapporti di lavoro occasionali o saltuari, indipendentemente dalla tipologia contrattuale. Nessun sedicente esperto Chimico o Fisico, ausiliare di un magistrato, potrà qualificarsi come Chimico o Fisico, anche se in possesso della relativa laurea, non essendo iscritto all’Ordine Professionale. Né tanto meno, docenti universitari e ricercatori che operano nell’ambito delle strutture pubbliche, utilizzando strumenti di proprietà delle Pubbliche Amministrazioni, potranno redigere impunemente relazioni e consulenze per il libero mercato.

    Attendiamo i decreti attuativi della legge 3/2018, già approvati e firmati e d’imminente pubblicazione, per iniziare il nuovo corso che ci vedrà impegnati in difesa della tutela della salute pubblica e di tutto ciò che è necessario per il miglioramento delle condizioni della vita dell’uomo di competenza della nostra professione.


  • Lettera circolare agli Iscritti all’Albo

    Si pubblica e s’invia per posta elettronica e PEC la lettera circolare contenente informazioni per gli iscritti all’Albo. In essa sono contenute informazioni su:

    • legge 3/2018 (Ex DDL LORENZIN)
    • Indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC)
    • Indirizzo di posta elettronica non certificata (email)
    • Formazione Continua
    • Quota contributiva annuale 2018 (Obbligo deontologico)
    • Assicurazione professionale (Obbligo deontologico)
    • Sito web
    • Esami di Stato

    lettera circolare agli iscritti 2018


  • Attività di Consulente Chimico di Porto

    Nel corso di questo anno, a seguito di incontri al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT) tra il CNC e il  il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto sono state apportate importanti e sostanziali modifiche alla Circolare DEM3/1160 del 10.12.1999 “Disciplina dell’attività dei consulenti chimici di porto”. Il CNC si è fatto promotore della revisione della Circolare al fine di migliorare le modalità di accesso all’attività del consulente chimico di porto ed aggiornare la stessa in relazione al DPR 328/01. Dallo 01.12.2017 ad emanare il Decreto Direttoriale n. 234 di modifica della Circolare DEM3/1160. Le modifiche apportate hanno confermato l’importanza dell’iscrizione all’Albo professionale, e nel contempo, accogliendo le prime istanze proposte dal CNC durante l’incontro del 14.09.2017,
    il riconoscimento del Consiglio Nazionale dei Chimici nel processo di abilitazione della figura del consulente chimico di porto.

    Il Consiglio Nazionale dei Chimici assume pertanto un ruolo fondamentale ed attivo nella designazione dei consulenti chimici di porto facenti parte della commissione di valutazione finale (punto 1.3 circolare DEM3/1160) per l’abilitazione a questa attività.

    L’art.2 del Decreto Direttoriale prevede inoltre che al fine di rendere maggiormente trasparenti e conoscibili gli elenchi dei chimici di porto in attività presso i porti nazionali, si provveda alla pubblicazione degli stessi sul sito del Ministero.

    Con questo Decreto Direttoriale si evidenzia l’importante risultato raggiunto dal CNC per la nostra categoria professionale, il riconoscimento degli Ordini quali garanti della qualità delle attività svolte dai professionisti iscritti e la valorizzazione del professionista in quanto responsabile delle proprie prestazioni a tutela della pubblica sicurezza anche in ambito portuale.

    Circolare CNC: attività di Chimico di porto


  • Formazione Continua: proroga termini di presentazione della “relazione annuale”

    Il Consiglio Nazionale ci ha fatto pervenire una nota con la quale sono prorogati i termini per la presentazione al Consiglio dell’Ordine d’appartenenza. Cos’ scrive il CNC:

    …è prorogato alla data del 30 aprile 2018 il termine del 31 gennaio 2018, fissato all’art. 7 del comma 3 del Regolamento per la Formazione Professionale Continua, ove è previsto che “la relazione di cui al comma 2 deve essere presentata al Consiglio dell’Ordine al quale il Professionista Chimico è iscritto entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello cui fa riferimento la relazione”…

    Pertanto, detta relazione sull’attività formativa svolta dovrà essere inviata da ogni iscritto, tramite PEC, al Consiglio dell’Ordine entro il 30 aprile 2018.


  • CORSO DEONTOLOGICO ANNO 2017

    Il Consiglio Nazionale dei Chimici ha attivato il corso di formazione GRATUITO in modalità FAD dal titolo “CORSO DEONTOLOGICO 2017”. Il corso è stato riproposto anche quest’anno per dare la possibilità ai chimici iscritti negli Albi delgi Ordini Territoriali che sono stati impossibilitati a partecipare agli eventi organizzati durante il 2017, a conseguire i 3 CFP deontologici obbligatori. Il corso è già online dal 6 dicembre e sarà fruibile fino al 31 gennaio 2018.

    Per seguire il corso bisogna collegarsi al sito web di Tecnoacademy e inserire le credenziali:

    • Username: “codice fiscale”
    • Password: “numero iscrizione albo”

    Coloro che sono già registrati al portale Tecnoacademy, potranno utilizzare le credenziali in loro possesso.

     

    • Dopo aver effettuato l’accesso, cliccare sulla voce “I MIEI CORSI”, e poi sul titolo “CORSO DEONTOLOGICO 2017”;
    • Dalle pagine del corso, cliccando sulle lezioni, si potranno scaricare gli allegati e iniziarne la visione;
    • Al termine del corso, dopo aver compilato il questionario di valutazione, si potrà scaricare l’attestato di frequenza;
    • I crediti formativi saranno caricati dalla segreteria del Consiglio Nazionale dei Chimici nel mese di febbraio 2018.

    Ulteriori informazioni di espletamento del corso e sul test finale, saranno reperiblili all’interno delle pagine del corso medesimo o potranno essere richiesti alla segreteria del CNC, rivolgendosi alla Dr.ssa Veronica Sbrilli.


  • Elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine (2017/2021): ELENCO DEI CANDIDATI

    Elenco alfabetico dei Candidati alle Elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo, quadriennio 2017/2021.

    Candidati iscritti alla sez. A:

    1. Alongi Emanuele;

    2. Arrigo Ileana;

    3. Ciotto Salvatore;

    4. D’Amico Giuseppina;

    5. Di Pietro Santo;

    6. Franzone Maria;

    7. Gulletta Maria Rita;

    8. Pollicino Gianmichele;

    9. Rizzo Giovanni;

    10. Saccà Rosario;

    11. Settineri Letteria;

    12. Toscano Giovanni.

    Candidato iscritto alla Sez. B

    1. Ansaldo Giacomo

    Gli elettori potranno esprimere da una (1) a otto (8) preferenze per la Sez. A e solo una (1) per la Sez. B.

    Scarica il PDF delle candidature:

    Candidature 2017-2021


  • Avviso di convocazione Elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo dell’Ordine (quadriennio 2017 – 2021)

    Si comunica a tutti gli iscritti che il Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Chimici della Provincia di Messina, nella seduta del 25 maggio 2017, ha indetto le elezioni di rinnovo dello stesso Consiglio per il quadriennio 2017 – 2021. Nell’allegata circolare sono indicate le modalità di svolgimento delle elezioni, le sedi dei seggi elettorali, le date e gli orari di votazione, la modalità di presentazione delle candidature. Si invitano gli iscritti interessati a candidarsi a far pervenire la loro candidatura, entro e non oltre le ore 18:00 di martedì 6 giugno 2017 alla Segreteria dell’Ordine a mezzo PEC, email, o consegnate a mano negli orari di apertura degli uffici dell’Ordine. Se spedita con servizio postale, dovrà pervenire entro la data e l’orario stabiliti, non farà fede il timbro postale.

    La pubblicazione sul sito istituzionale dell’Ordine costituisce notifica a tutti gli iscritti.

    Circolare indizione elezioni

    ERRATA CORRIGE

    regolamento_elettorale_ordini_DPR_169/2005.


  • ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI

    E’ convocata l’Assemblea ordinaria. La prima convocazione è prevista per le ore 6,00 del 25 maggio p.v., presso la sede di Via Università n. 16, la seconda convocazione, sempre nella sessa giornata alle ore 15:30, presso il Salone degli Specchi della Città Metropolitana (ex Provincia Regionale). Sul sito dell’Ordine è pubblicato il Conto Consuntivo 2016, oggetto di discussione in un punto all’odg. L’iscrizione all’Assemblea dev’essere effettuata sul Portale Formazione Chimici. Ai partecipanti saranno riconosciuti 3 CFP deontologici.

    > Per iscriversi cliccare sul link accanto: ISCRIVITI all’ASSEMBLEA.


  • Lettera agli Iscritti

    Si pubblica, sulla presente pagina, la lettera agli iscritti contenete le informazioni per l’anno 2017. Di tali informazioni non verrà inviata altra comunicazione oltre la presente pubblicazione e l’email già spedita a ciascun iscritto. Nella lettera sono date le seguenti informazioni:

    • Indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC)
    • Indirizzo di posta elettronica non certificata (email)
    • Formazione Continua
    • Quota contributiva annuale 2017
    • Assicurazione professionale
    • Tesserini di riconoscimento rilasciati dall’Ordine
    • Distintivo con il Logo
    • Sito web
    • Esami di Stato
    • Elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine

    Scarica la lettera: lettera-circolare_1_2017


  • ADEMPIMENTI DEONTOLOGICI: OBBLIGO PER GLI ISCRITTI

    Talune attività o professioni, a causa delle loro peculiari caratteristiche sociali devono rispettare un determinato codice comportamentale, il cui scopo è impedire di ledere la dignità o la salute di chi sia oggetto del loro operato; dalla violazione di queste regole discenderebbe un danno anche alla collettività degli esercenti della professione, in termini di perdita di credibilità pubblica, definito come il problema del “free rider”. Ecco perché gli ordini professionali hanno elaborato codici di deontologia di cui sono tutori mediante l’esercizio dei poteri disciplinari. E’ del tutto evidente che il complesso di doveri etici, che il codice delinea, richiede una serie di condizioni esterne. Quel che è certo, però, è che non si può ulteriormente consentire che la mancanza di un’identità professionale alta, della quale il “Chimico” deve farsi carico, possa ledere gli interessi della categoria e della collettività. Pertanto, il “Chimico” è tenuto a rispettare il Codice Deontologico.  Esso contiene le esigenze etiche della professione; costituisce il suo elemento di identità, lo strumento attraverso il quale il “Chimico” si presenta alla società e contestualmente lo strumento che orienta e lo guida nelle scelte di comportamento, nel fornire i criteri per affrontare i dilemmi etici e deontologici, nel dare pregnanza etica alle azioni professionali. La non osservanza del Codice Deontologico espone il “Chimico” a commettere illeciti etici che vanno sanzionati da parte dell’Ordine tramite il Consiglio di Disciplina. A tal proposito si ricorda che nell’art. 3 “Obblighi nei confronti della professione” il comma 2 stabilisce proprio che l’attività professionale esercitata in violazione del Codice Deontologico, costituisce illecito professionale il comma 3 stabilisce che illecito è anche la mancata comunicazione dei propri recapiti (PEC, email, indirizzo di residenza e/o domicilio). L’art. 17 “Fiscalità e solidarietà sociale” al comma 2 stabilisce che è illecito disciplinare il mancato versamento delle quote contributive all’Ordine di appartenenza e al Consiglio Nazionale.

    Si pubblicano di seguito i link alla lettera circolare avente per oggetto “obblighi deontologici degli iscritti” e al Codice Deontologico.

    lettera-circolare-prot-n-244_26_10_2016

    Scarica il Codice Deontologico