logo_messina_edit

Nasce la Federazione Nazionale del Chimici e dei Fisici

Oggi, 22 dicembre 2017, è una data importante per la Professione Chimica. Il Senato Della Repubblica ha approvato, in terza lettura, il DdL Lorenzin S. 1324 con 148 voti favorevoli, 19 contrari e 5 astenuti. Dopo un’iter parlamentare, iniziato cinque anni fa, quando fu presentato alla Camere, il DdL Lorenzin è legge dello Stato grazie allo schieramento trasversale che ha permesso l’approvazione a larga maggioranza.

Soddisfatta la titolare del Ministero della Salute Beatrice Lorenzin che ha affermato alla stampa: «Oggi è una giornata molto importante per la sanità italiana e sono veramente orgogliosa dell’approvazione definitiva da parte del Senato del Ddl che porta il mio nome perché s’introducono fondamentali novità per tutto il settore e perché si aggiunge un nuovo tassello fondamentale al percorso di riforma del sistema. Questo ddl, che presentai quasi 5 anni fa ha avuto una gestazione lunghissima in Parlamento e introduce misure importantissime per la sanità e per 1 milione di persone che vi lavorano».

Si tratta di una grande riforma della sanità, attesa da oltre un milione di professionisti, che prevede una delega al Governo su un ampio ventaglio di materie e una serie di novità normative direttamente applicabili. Il provvedimento ammoderna, dopo 70 anni, la vita degli ordini professionali e ne introduce di nuovi, coinvolgendo nella tutela ordinistica tutte le 22 professioni attualmente riconosciute.

L’articolo 8 trasforma il Consiglio Nazionale dei Chimici (CNC) nella Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici. Poiché agli ordini si applicano le disposizioni relative alle professioni sanitarie, la Federazione è posta sotto l’alta vigilanza del Ministero della Salute. Qundi, la professione di Chimico è riconosciuta come “Professione Sanitaria”. Questo riconoscimento rivaluta la nostra professione perché, come sappiamo, la Chimica ha un importante ruolo nel miglioramento della salute, del benessere e dell’ambiente. Questo riconoscimento conferma la centralità dei Chimici per la salute umana e riafferma le competenze nel comparto sanità.

Seguiremo le indicazioni che saranno inviate dal CNC (Federazione Nazionale dei Chimici e dei Fisici) quando saranno emanati i decreti attuativi, per l’organizzazione del nuovo Ordine dei Chimici e dei Fisici e per confermare le attività di area tecnica e sanitaria svolte dai Chimici, con particolare attenzione alle specifiche competenze dei Chimici legate alla normativa vigente ed acquisite negli ultimi anni.